Mobilità, rifiuti, agricoltura e politiche organizzative interne: #icontitornano

Mobilità, rifiuti, agricoltura

11_agricoltura

Il 2013 è l’anno di approvazione del nuovo Piano Sosta, volto a migliorare l’accessibilità e la sostenibilità del centro. È così che è nato Movs, un nuovo progetto per chi vive, lavora o frequenta il centro, grazie al quale si è resa possibile l’attivazione del “Green-go bus”, un innovativo servizio gratuito di navetta elettrica che collega piazzale Pancrazi e il centro della città. Sono circa dieci le linee del Piedibus, un percorso già attivo in quattro scuole, che accompagna i bambini lungo il tragitto.

Un ruolo centrale è stato svolto nella promozione della mobilità sostenibile, attraverso la realizzazione di piste ciclopedonali come quella lungo l’asse del Naviglio, quella di via Ravegnana o quella di via Canal Grande. Significativa anche la realizzazione della rotatoria al casello della A14.

Il “Mercato del contadino” e il “Bio Marche” fanno parte delle iniziative commerciali di vendita diretta di prodotti a km 0, finalizzate al commercio di prodotti agricoli e biologici.
Il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani è stato ampliato attraverso il porta a porta, attivo fino ad ora nelle frazioni di Granarolo, Reda, Borgo Tuliero, Errano e Santa Lucia, con un aumento della raccolta differenziata dal 50 al 75%. Nel 2015 il servizio è stato esteso anche nell’area compresa tra via Granarolo e via San Silvestro. Importante anche la sperimentazione delle isole ecologiche itineranti.

 

Politiche organizzative interne

12_organizzativeINTERNE È stata costituita l’Unione della Romagna Faentina, un decisivo passo per ottenere maggior efficienza nei servizi al cittadino. Le aziende per i servizi alla persona sono state raggruppate in una ASP unica, con conseguente forte riduzione dei costi amministrativi e possibilità di sviluppare nuovi servizi. Si è provveduto a una nuova riorganizzazione generale dei settori del Comune (da 10 a 9) e dei servizi del Comune (da 39 a 31).

I servizi demografici sono stati decisamente snelliti, tramite l’attivazione online delle funzioni di consultazione di dati anagrafici, autocertificazioni pre-compilate, dati elettorali e iscrizione all’albo dei presidenti di seggio e scrutatori, mentre il servizio di anagrafe ha riaperto le porte anche il sabato. Infine è stato creato l’ufficio dedicato alla programmazione dei fondi e dei progetti europei, oltre che alla formazione permanente del personale tramite docenti interni.
È stato ulteriormente sviluppato lo Sportello Unico per le attività produttive, accorciando i tempi di rilascio delle relative autorizzazioni in ambito edilizio e produttivo (licenze), a beneficio delle nostre imprese.

FacebookTwitterGoogle+Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *